ad sense

giovedì 19 settembre 2013

scarpine da neonato doppia faccia e un modello di ballerine

 Scarpine da neonato 3 in 1

  
nota: modello è stato lavorato con uncinetto da 3,5 mm e filato cervinia
contate i punti alla fine di ogni giro!!!!!
tra le parentesi trovate il numero di punti corretto per ogni giro)
 per cominciare  si avvia una catenella da 12 punti + 1:

La suola:
1 giro: (si lavora solo nella parte superiore del punto, vedi il video qui ), in ogni catenella un punto alto, per un totale di 12 punti alti, in ultima catenella si aggiungono ancora sei punto alti, poi si comincia a lavorare nella parte rimasta libera dalle catenelle ancora 12 punti alti, nell'ultima catenella dove abbiamo lavorato il dodicesimo punto alto si aggiungono altri sei punti alti, si chiude il giro con un punto bassissimo nel primo punto alto lavorato. ( 36 punti alti)



 2 giro: una catenella( non si conta come punto)  un punto alto nel primo punto alto del giro precedente, proprio dove abbiamo fatto il punto bassissimo, poi un punto alto negli 11 punti alti del giro precedente. Si arriva cosi ai sei punti alti aggiunti nell'ultima catenella del primo giro, in ognuno di essi si lavora un aumento, cioè due punti alti in ogni punto alto del primo giro, dopo di che si lavorano ancora 12 punti alti ( un punto alto in ogni punto alto sottostante), si arriva cosi al secondo gruppo di sei punti alti aggiunti nel primo giro e si fa la stessa cosa, quindi un aumento in ognuno di esso( per un totale di 12 punti alti nei sei del giro precedente).Si chiude il giro con un punto bassissimo nel primo punto alto del giro.( 48 punti alti).
La suola finita. Tagliate il filo, fatte il nodino di sicurezza.

La scarpina:


1 giro: Cambiate il colore.Dal primo punto alto subito dopo il punto alto dove avete finito il giro, contate sei punti, aggiungete il nuovo colore nel sesto punto, con la faccia del lavoro verso di voi. Fate una catenella ( non viene contata come punto) e un punto alto, continuate a lavorare un punto alto in ogni punto alto del giro sottostante, per un totale di 48 punti alti.Finite il giro con un punto bassissimo nel primo punto alto lavorato.
2 giro: cominciando con questo giro lavoreremo solo intorno ai punti davanti ( vedi il video qui), però sempre dei punti alti. Una catenella ( non la contate come punto) un punto alto nel primo punto alto sottostante e ancora 13 punti alti nei tredici punti alti del giro precedente, nei prossimi 20 punti alti facciamo  10 diminuzioni ( proprio sulla parte centrale della tomaia o cosi detta mascherina ), per la diminuzione si lavorano due punti alti in una volta, non vi scordate che lavoriamo intorno al punto alto non nell'asola del punto!!!! Quindi si comincia con la prima diminuzione cosi: si lavora il primo punto alto a metà e poi si lavora il secondo punto alto sempre a metà, dopo di che dovremmo avere tre anelli sull'uncinetto, filo sull'uncinetto , lo tiriamo tramite tutti i tre anelli chiudendo cosi la nostra prima diminuzione, fate ancora nove lavorando sempre su due punti. Finite le dieci diminuzioni, lavoriamo ancora 14 punti alti, ( intorno ai punti sottostanti). Chiudiamo il giro con un punto bassissimo nel primo punto alto lavorato. ( 48 - 10 le diminuzioni =38 punti alti).
3 giro: cominciando con questo giro fino alla fine della scarpina , fino quando cambiamo il colore e facciamo il bordino, avremo sempre 14 punti alti da una parte e dall'altra della scarpina, costanti, invece nella parte centrale della tomaia faremo le diminuzioni. Quindi cominciamo a lavorare una catenella e il primo punto alto, poi ancora 13 , nei punti alti sottostanti, arrivati alla parte delle diminuzioni, ne facciamo ancora 5, cioè da dieci punti nel giro precedente arriviamo a 5. facciamo la seconda parte di 14 punti alti e poi chiudiamo il giro con un punto bassissimo nel primo punto alto lavorato.( 38- 5 = 33 punti)
4 giro: una catenella e 14 punti alti nei 14 punti alti del giro precedente ( la costante), sulle cinque diminuzioni del giro precedente lavoriamo cosi: nei primi due punti facciamo una diminuzione, il terzo punto lo lavoriamo normalmente, gli ultimi due punti, quindi il quarto e il quinto facciamo un'altra diminuzione, poi continuiamo con ancora 14 punti alti , sopra i 14 punti alti del giro precedente ( la seconda parte costante), chiudiamo il giro con un punto bassissimo nel primo punto alto lavorato. (33- 2 = 31 punti)
5 giro: una catenella e 14 punti alti nei 14 punti alti del giro precedente, nella parte delle diminuzioni siamo rimasti con 3 punti, quindi facendo la diminuzione su tutti i tre, rimaniamo con 1 punto, poi lavoriamo i 14 punti alti, chiudiamo il giro con un punto bassissimo lavorato nel primo punto alto. ( 29 punti). Finita la scarpina. Tagliamo il filo, facciamo il nodino di sicurezza.

Bordino:

1 giro: Cambiamo di nuovo il colore, con la parte centrale della tomaia verso di noi, entriamo con l'uncinetto nel punto accanto al punto risultato della diminuzione in tre, (quindi quest'ultimo punto lo lasceremo non lavorato), la voriamo intorno alla scarpina 28 punti alti
2 giro: una catenella per tornare, 28 punti alti lavorati però intorno al punto indietro(entriamo con l'uncinetto indietro al lavoro e a destra del punto da lavorare, usciamo con l'uncinetto sempre indietro nella pate sinistra del punto poi lo lavoriamo come un normale punto alto, solo per questo giro, cosi manteniamo il modello.
3 giro : una catenella per tornare, 28 punti alti lavorati di nuovo intorno al punto davanti, alla fine del giro tagliate il filo fatte il nodino di sicurezza.
la prima parte del video



la seconda parte del video


la terza parte del video




Scarpina da bimba



Come una variante del primo modello vi propongo adesso queste bellissime scarpine con barretta e bottone.
Per la lavorazione di queste scarpine dobbiamo mantenere il primo modello fino al secondo giro della scarpina, quindi la suola e i primi due giri della scarpina sono identici.
dal terzo giro: lavoriamo sei punti alti ( sempre intorno al punto), 8 punti bassi ( sempre intorno ai punti alti sottostanti), quindi abbiamo diviso la nostra costante di 14 punti in sei punti alti e 8 punti bassi, poi per le 5 diminuzioni sulla parte centrale della tomaia, lavoriamo ugualmente al primo modello, quindi sui dieci punti alti del secondo giro, facciamo 5 diminuzioni ( due punti alti  lavorati insieme), poi  facciamo di nuovo 8 punti bassi( sempre intorno al punto) e 6 punti alti, chiudiamo il lavoro con  un punto bassissimo nel primo punto alto lavorato.Quindi il numero di punti non cambia, alla fine del trezo giro dobbiamo avere 33 punti . Tagliamo il filo e facciamo il nodino di sicurezza.
quarto giro: entriamo con il nuovo colore nel punto alto dove abbiamo finito il giro precedente, lavoriamo un giro di punti bassi, normali, senza aumenti, senza diminuzioni, in ogni punto del giro precedente facciamo un punto basso. (33 punti). Tagliamo il filo e facciamo il nodino di sicurezza. Nascondiamo tutte le codine.

Per la barretta: facciamo una catenella da 6 punti,giriamo e lavoriamo 5 punti bassi, poi facciamo ancora 5 catenelle ( la asola), per chiuderle in cerchio entriamo con l'uncinetto nella prima catenella  delle catenelle  dove abbiamo lavorato i 5 punti bassi, facciamo un punto bassissimo e tagliamo il filo. Nascondiamo le codine.
Certo ne dobbiamo fare due barrette, hehehe. Cucciamo la barretta da un lato della scarpina, lasciando i 5 punti della parte centrale della tomaia ( su quali abbiamo fatto le diminuzioni), contiamo tre punti e nel terzo , proprio nel ultimo giro di punti bassi entriamo con l'ago, cucciamo la barretta, poi dalla parte opposta della scarpina sempre nello stesso punto cucciamo il bottone.


Buon uncinetto
oana

ecco un altro paio di orecchini

care uncienttine,
oggi, mentre stavo filmando il video del punto stella alpina, per il canale in inglese, mi è venuta un'idea di orecchini con questo bellissimo e versatile  punto , cosi ho pensato di farvela vedere:
gli orecchini con un bordino semplicissimo 
per il bordino fate cosi:
entrate con l'uncinetto in qualsiasi degli sei spazi da 6 catenelle, tra i petali e lavorate. tre punti bassi + un picot da tre catenelle x tre volte e ancora tre punti bassi, quindi in totale sono 12 punti bassi e tre picot.
Aaaaah, dimenticavo, il punto stella alpina lo lavorate solo con uno spazio e una nocciolina , poi nello spazio fatte ancora cinque petali (noccioline) ed è pronto il fiorellino.
Per rinfrescarvi la memoria ecco il video tutorial del punto stella alpina




a presto
oana

mercoledì 18 settembre 2013

come vendere i nostri oggetti all'uncinetto?

care uncinettine ,

questa domanda me la sono fatta io da tanto tempo, quasi da quando ho iniziato a lavorare all'uncinetto. Perché di solito è cosi : si comincia con la voglia di imparare e di fare delle cose per noi stesse, poi magari anche per regalare, poi pian pianino , a qualche amica o collega di lavoro piace un nostro cappello o sciarpa o borsa, ecc e ci chiede di realizzarla anche per lei, cosi via cominciamo a pensare anche a vendere , tanto per arrotondare o magari , proprio per crearci un job, con i tempi che corrono , l'idea non è male. Ecco una lista di possibilità per vendere i mnostri oggetti fatti all'uncientto:

1.  le piattaforme su internet dove da privato ci si  si può aprire un negozio on line, inserire le foto e vendere i prodotti , vi lascio i link di quelli che io conosco e li ho anche provati:
it.artesanum.com
www.babirussa.it
www.etsy.com
www.dawanda.it
www.alittlemarket.it
www.misshobby.com
2. le pagine facebook o google+
3. e-bay, sia come annunci semplici o proprio aprire un negozio on line
4. il blog personale o site personale
5. i mercatini
6. i negozi di lana e mercerie della nostra zona
Ok , penso di avere esaurito l'elenco delle modalità di vendere , sia virtuali che reali, se no, vi aspetto con dei commenti, questo infatti è un articolo che si vuole essere un dialogo aperto a tutte quelle che vendono i loro oggetti fatti all'uncinetto. Io parlo solo degli oggetti fatti all'uncinetto, perché è la mia passione e io voglio provare di radunare tutte quelle che hanno la mia stessa passione, perché se mettiamo in calcolo tutte le tecniche artigianale , allora finiamo per allargare troppo il cerchio , solo per questo, mica perché io non avrei rispetto per altre arti manuali, anzi le rispetto tutte, perché so che oltre manualità c'è bisogno anche di fantasia e creatività e quindi le persone che le praticano non possono essere che persone sensibili.

Adesso prendiamo ogni modalità in parte e parliamone, pro e contro, vantaggi e svantaggi:

1. Di solito tutte le piattaforme on line per la vendita dei prodotti fatti a mano , contengono di tutto e di più e anche se ci sono modalità di ricerca molto precise ad un certo punto uno si annoia di cercare e cercare e non trovare l'oggetto desiderato e magari non è neanche arrivato sul vostro negozio, poi c'è un altra cosa, sulle cosi dette "vetrine" fatte da queste piattaforme, magari nessuno dei vostri prodotti non appaiono mai o quasi mai. Poi no parlando del numero immenso di persone che hanno un negozio on line su queste piattaforme. Un altra cosa è la percentuale che la richiedono per vendita di un prodotto, o peggio, come Etsy che chiede praticamente per ogni inserzione cca 0,10 euro, non so di sicuro. Comunque magari vi sembra poco , ma se cominciate a fare i conti , non  lo so veramente se mi conviene. L'unica piattaforma che non percepisce nessuna tassa ne di iscrizione , ne di inserzione e neanche percentuale sulla vendita e ARTESANUM. Io lo trovo il più fairplay, perché è sempre una bella vetrina che riesco a tenere con i miei oggetti fatti a mano e indirizzare dei miei amici o colleghi o conoscenze e posso pubblicizzarmela su fb o sul mio blog personale. Un altra cosa che mi piace di Artesanum è il fatto che quando tu metti sul tuo blog la loro sigla , cosi che quelli che capitano sul tuo blog possono fare click sopra e li porta direttamente nel tuo negozio su Artesanum, non come fanno gli altri che ti portano sul loro portale iniziale, quindi tu a loro fai pubblicità nel tuo piccolo, ma senza un doppio senso.
2.le pagine facebook , parliamoci chiaro , ce ne sono tantissime che si bloccano con il "mi piace " al numero di amici contenuti sul profile personale.Su google + , non ci sono tante e forse ce ne ancora spazio , quindi dobbiamo sempre pensare che se arrivate per prime , abbiamo sicuramente più chance. Io non dico che con le pagine fb non ci si può fare pubblicità, però , sinceramente mi sembra poco probabile, comunque è anche quella una vetrina on line gratuita, cioè spazio di depositare per le nostre foto dei nostri oggetti da vendere e non è poco.

Se vi piace questo articolo e vi interessa il tema allora ci sarà anche la parte seconda

A presto
oana

martedì 17 settembre 2013

cappello a punto coste all'uncinetto

cappello maschio&femmina a punto a coste in crochet

questo è un modello di cappello per quanto semplice tanto bello,io l'ho trovato in inglese e l'ho scritto anche per voi, si lavora in due o tre ore ed è bellissimo colorato, quindi prendete tutti gli avanzi di lana e mettetevi all'opera, alla fine lo adorerete , io ne ho fatti già due per mio marito, il primo è questo azzurro .
 questo è il secondo:
per lavorare usate della lana più grossetina e un uncinetto da 5mm
cominciate con il cerchio magico
I giro lavorate nel cerchio magico 12 punti alti, o tre catenelle iniziali + 11 punti alti, comunque alla fine del primo giro dovrete avere 12 punti alti in totale
II giro aumentiamo cosi: un punto basso nel primo punto alto (se avete fatto tre catenelle iniziali allora nella terza catenella) e intorno allo stesso punto lavorate un punto alto i rilievo davanti, lavorate ugualmente in tutti 11 punti alti rimanenti, alla fine di questo giro avrete: 12 punti bassi e 12 punti alti in rilievo
III giro lavorate un punto basso nel primo punto basso, poi intorno al prossimo punto che è il punto alto in rilievo, lavorate due punti alti in rilievo (si lo so vi chiedete come lavorare due punti alti in rilievo intorno ad uno solo, beh semplice si lavora prima uno e poi uguale al primo si lavora anche il secondo, sempre intorno allo stesso punto ), cosi abbiamo ottenuto un aumento (non di stipendio, hahahah), lavorate sempre cosi tutto il giro, quindi nel punto basso, un punto basso e intorno al punto alto , due punti alti in rilievo, concludete il giro con due punti alti in rilievo e fatte un punto bassissimo nel primo punto basso lavorato, alla fine di questo giro avrete sempre 12 punti bassi, ma 24 punti alti in rilievo
IV giro ok questo è il giro più difficile però una volta capito bene , si è imparata anche la tecnica di aumento per questo cappello, che poi non è cosi difficile , volevo solo spaventarvi un po' cosi sarete più attente, hehehehe, quindi cominciamo: un punto basso nel primo punto basso, un punto alto in rilievo intorno al primo punto alto in rilievo, sempre nello stesso punto , ma questa volta , proprio nel punto , lavorate anche un punto basso,cosi che tra i due punti alti in rilievo, lavorati sullo stesso punto alto , nel giro precedente (quindi il nostro aumento), lavoriamo anche un punto basso, l'idea è che come modello dobbiamo avere un punto basso, un punto alto in rilievo, perciò dobbiamo fare gli aumenti tenendo presente questa cosa. Ok , tutto qua, adesso continuiamo sempre cosi, un punto basso nel punto basso, poi nel primo punto alto in rilievo lavoriamo un punto alto in rilievo (quindi intorno al punto) e un punto basso, poi continuiamo con il secondo punto alto in rilievo (dal aumento del giro precedente) lavorando intorno ad esso un punto alto in rilievo, quindi alla fine di questo giro pareggiamo anche i punti bassi :24 punti bassi, 24 punti alti . 
V giro lavoriamo come vengono i punti ( cioè un punto basso nel punto basso, un punto alto in rilievo intorno al punto alto in rilievo) fino al quarto punto alto in rilievo intorno al quale faremo un aumento quindi lavoreremo due punti alti in rilievo intorno allo stesso punto.Alla fine di questo giro avremo sempre 24 punti bassi e 30 punti alti in rilievo.
VI giro in questo giro dobbiamo pareggiare anche i punti bassi , quindi lavoreremo cosi: un punto basso nel punto basso del giro precedente , un punto alto in rilievo intorno al punto alto in rilievo del giro precedente, quindi lavoriamo sempre cosi come vengono i punti, fino all'aumento del giro precedente, nel primo punto alto del aumento, lavoriamo cosi: un punto alto in rilievo e un punto basso nello stesso punto alto in rilievo, poi lavoriamo un punto alto in rilievo intorno al secondo punto alto in rilievo del aumento del giro precedente e sempre cosi fino alla fine del giro, quindi in ogni primo punto alto in rilievo del aumento del giro precedente lavoriamo oltre il punto alto in rilievo anche un punto basso, cosi dividiamo i due punti alti in rilievo del aumento da un punto basso e il modello e di nuovo apposto. Alla fine di questo giro avrete 30 punti bassi e 30 punti alti in rilievo.
Quindi abbiamo pareggiato anche con i punti bassi.
* l'idea è che per aumentare come in una normale cappello, in questo modello invece di un giro ci vogliono due giri, cioè due tappe.
Se volete un cappello per un ragazzino o una ragazzina, vi potete fermare qua con gli aumenti, quindi avete in totale 60 punti. Poi proseguite con il modello normale lavorando un punto basso, nel punto basso del giro precedente e un punto alto in rilievo intorno al punto alto i rilievo del giro precedente, fino alla lunghezza desiderata. 
VII giro se , invece lo volete per una testa da adulto, andate ancora avanti con ancora due giri di aumenti. Quindi in questo giro aumentiamo in ogni quinto punto alto in rilievo, lavorando intorno ad esso due punti alti in rilievo.Alla fine di questo giro avrete 30 punti bassi e 36 punti alti in rilievo.
VIII giro adesso aumentiamo i punti bassi per pareggiare, quindi in ogni primo punto alto del aumento del giro precedente lavoriamo: un punto alto in rilievo intorno al punto e un punto basso , nel punto. Alla fine di questo giro avrete 36 punti bassi e 36 punti alti in rilievo.
dal IX giro potete proseguire lavorando i punti come vengono: un punto basso , nel punto basso, un punto alto in rilievo intorno al punto alto in rilievo, fino alla lunghezza desiderata.
IMPORTANTISSIMO
non vi scordate di cambiare il colore , più spesso lo cambiate , più colorato sarà il cappello, potete fare sequenze da due o tre giri con un colore o potete cambiare il colore ad ogni giro, vedete voi.
Per cambiare il colore alla fine del giro fate il punto bassissimo nel primo punto basso, per chiudere il giro, tagliate il filo e fatte il nodino di sicurezza. Con il nuovo colore fate ilo nodino iniziale e cominciate il nuovo giro proprio nel punto bassissimo di chiusura, poi proseguite con il modello,
Buon Lavoro uncinettine
oana

la rappresentazione grafica dei punti

ho trovato sul web questa rappresentazione grafica dei punti e visto che molte di voi uncinettine mi avete chiesto come si leggono i punti e che veramente avvolte si , può essere difficile leggere uno schema , ho pensato di condividerla con voi, magari vi possa essere di aiuto

mercoledì 11 settembre 2013

Orecchini Mandala

Care uncinettine,

avrete già visto il mio ultimo video con gli orecchini tondi. Vi voglio svelare l'origine di questo modello, che io lo considero molto bello e non perché l'ho creato io , ma perché mi sono ispirata ad una vecchissima immagine piena di significato che è il mandala. Molto tempo fa , su facebook un' uncinettina mi faceva vedere delle foto di modelli mandala realizzati all'uncinetto e ci sono rimasta colpita dalle combinazioni di colori e dai giochi di figure geometriche che erano contenute in quei lavori. Sono , subito andata a cercare su internet deglia ltri e cosi sono ho imparato che si chiamavano mandala. Poi , certo , con la mia caratteristica curiosità, volevo capire cosa significava la parola e certo, l'oggetto, quindi ho trovato una spiegazione su wikipedia e se volete leggere vi lascio il link http://it.wikipedia.org/wiki/Mandala , sono sicura che come me, sarete meravigliate dalla bellezza del significato e delle forme. Vi dico solo che questi mandala sono dei cerchi che rinchiudo delle figure geometriche come punti, triangoli e quadrati e vengono rappresentati in una gamma di svariata gamma di colori. Vi immaginate il perché mi ci sono subito innamorata, quei meravigliosi colori mi hanno subito conquistata. Per un bel po' di tempo tutta questa informazione è rimasta stoccata nella mia mente e ieri tutto ad un tratto mi è venuta l'idea di creare questi orecchini con un modello semplice , ma molto semplice, di mandala, quindi sono i primi, però sicuramente non gli ultimi , perché mi piace l'idea di poter abbinare forme e colori in un solo oggetto.
Ecco quanti ne ho lavorati, è come una droga, appena finisco uno penso già ad un'altra combinazione di colori e via .....        


buon uncinetto
oana                                                                                                                                              

venerdì 6 settembre 2013

un fiore e più possibilità

care uncinettine,
ritrovando questo modello di fiore tra i miei video più vecchi , lo usato prima per abbellire la mia ultima creazione , lo scalda collo 2 in 1, poi mi è venuta idea di farlo con diversi uncinetti e sia in lana che in cotone, finché sono arrivata al più piccolo fatto con l'uncinetto da 2,5 mm e con filato di cotone mouline , quello per ricami, in seguito vi faccio vedere i miei esperimenti
<eccoli tutti  i primi due fatti con la lana e gli ultimi due fatti con il cotone
questo è il più piccolo quindi il più adatto per gli orecchini o un ciondolo

questo lo lavorato con il cotone cablé n 5 
i due lavorati in cotone li ho fatti con sei petali

questo è il video dello scalda collo dove trovate anche il link del fiore

Buon Lavoro
oana